Chiudi

Chi siamo

La Filarmonica di Castagnola, fondata nel 1939, dimostra ancora oggi vigore e vivacità che la rendono così una banda attiva e versatile, incontrando ad ogni occasione i gusti dei fedeli ascoltatori e degli appassionati che giungono tra il pubblico.

Nel 1946 la banda luganese aderì alla FeBaTi, Federazione Bandistica Ticinese che vede affiliate una cinquantina di formazioni musicali di fiati attive sul territorio ticinese.

Nel 1989 la Filarmonica di Castagnola si è dotata di un nuovo vessillo; padrini alla cerimonia i coniugi Garzoni.

L'organico musicale della Filarmonica di Castagnola è attualmente formato da una quarantina di musicisti attivi che, con grinta e passione, continuano a interpretare colorate composizioni guidati dal professionale Maestro Mauro Ghisletta. Con le sue competenze, con la precisione e autorevolezza della sua bacchetta tiene alta la qualità musicale della Filarmonica di Castagnola da ormai più di 25 anni.

Grazie alla Scuola di musica e ai corsi di perfezionamento per giovani e meno giovani musicanti, la banda cerca di assicurarsi la sua continuità.
Ad ogni modo la nostra banda è sempre alla ricerca di nuovi musicanti con già un'esperienza in attivo che desiderano far parte di una società bandistica. Presso la FdC troverete un ambiente famigliare, ricco di stimoli e di musica per tutti i gusti con cui divertirvi e con cui poter offrire alla popolazione momenti di svago e di convivialità durante tutto l’anno. Le prove settimanali si tengono al mercoledì e al venerdì a partire dalle ore 20.30 presso la nostra sede a Castagnola (Ex Municipio). Se siete interessati contattateci!

L'agenda musicale della Filarmonica di Castagnola è molto intensa. Negli ultimi anni, tra i numerosi appuntamenti sul territorio, svariate trasferte oltre Gottardo ed oltre confine, la banda offre ad ogni occasione un repertorio variato, un acquerello sonoro che unisce brani classici a musicalità moderne riflesso della flessibilità e dinamicità di questa formazione. La musica della Filarmonica non può lasciare indifferenti perché rispecchia la cura del Maestro unita all'emozione che ogni musicante fa trasparire suonando e creando, ogni volta, attimi di poesia ed entusiasmo.
Vi aspettiamo numerosi ai nostri concerti!

Il Comitato

Oggi la Filarmonica di Castagnola cerca di farsi spazio tra i numerosi eventi organizzati nella “Grande Lugano”. Per fare ciò occorre un Comitato organizzativo, attualmente composto da:

  • Presidente: Roberto Badaracco
  • Vice-presidente: Dante Gilardi
  • Past-president: Giorgio Giudici
  • Direttore: Marco Fässler
  • Segretaria: Francesca Cereda
  • Cassiere: Luca Gilardi
  • Membri: Gloria Togni, Ivano Bonesana

Il Comitato è coadiuvato da una Commissione Musica composta da: Mo. Mauro Ghisletta, Luigi (Gigi) Ghisletta, Carlo Norghauer e Marco Rezzonico.

Alfiere della Filarmonica è Luca Gilardi.

Contatti

Società Filarmonica di Castagnola
CP 172
CH - 6976 Castagnola (TI)

E-Mail: info@filarmonicadicastagnola.ch
Facebook: Filarmonica di Castagnola
Tel: +41 91 970 26 86 (sala prove, mercoledì e venerdì dalle ore 20.00) oppure +41 79 370 13 56 (Sig. Marco Fässler)

Per chi volesse contruibuire finanziariamente alle attività della Filarmonica può farlo tramite il conto presso Banca Stato-6501 Bellinzona, a favore della Società Filarmonica di Castagnola-Lugano, conto: 65-433-5; IBAN CH53 0076 4146 8159 C000 C. Vi ringraziamo per ogni vostro sostegno.

Novità

La Filarmonica di Castagnola ha bisogno di voi Giovedì, 31 Marzo 2016 17:21


La Filarmonica di Castagnola vanta di numerosi simpatizzanti ed affezionati amici che ogni anno dimostrano il loro affetto partecipando ai nostri concerti, ma anche tramite un tangibile contributo finanziario. Ogni apporto, pur piccolo che sia, va interamente a favore delle attività organizzate dalla banda castagnolese. Un progetto che si è concretizzato grazie alla generosità dei contribuenti è per esempio la Minibanda Transfrontaliera Castagnola-Valsolda, a cui prendono parte una quindicina di ragazzi delle rispettive Scuole di musica che si incontrano settimanalmente per le prove d'insieme, oltre che alle lezioni di teoria, solfeggio e strumento. Una bella iniziativa che consente alla Filarmonica di garantire la sua continuità, oltre che offrire ai ragazzi un sano passatempo e punto d'incontro.

Per chi volesse contruibuire finanziariamente alle attività della Filarmonica può farlo tramite il conto presso Banca Stato-6501 Bellinzona, a favore della Società Filarmonica di Castagnola-Lugano, conto: 65-433-5; IBAN CH53 0076 4146 8159 C000 C. Vi ringraziamo di cuore!

Se desiderate invece aderire all'attività musicale della FdC quali soci attivi, ricordiamo che le prove della banda si tengono al mercoledì e al venerdì dalle ore 20.30 presso la sala prove situata all'Ex Municipio di Castagnola. Raggiungendoci in sede il Mo. Mauro Ghisletta sarà lieto di darvi tutte le informazioni necessarie alfine di prender parte all'intensa ed allegra vita musicale della nostra Società, attiva sul territorio luganese dal 1939. Per ulteriori informazioni potete contattarci anche tramite l'indirizzo e-mail, Facebook oppure telefonando al numero +41 91 970 26 86 (sala prove: mercoledì e venerdì dalle ore 20.00) oppure +41 79 370 13 56 (Sig. Marco Fässler).

Qualunque sia il vostro contributo vi ringraziamo sin d'ora per la vostra generosità!

 


L'Assemblea Generale Ordinaria si terrà il 20 aprile 2016 Domenica, 27 Marzo 2016 17:31


L'Assemblea Generale Ordinaria della Filarmonica di Castagnola si terrà il prossimo 20 aprile, alle ore 20.30, nella sala prove presso l'Ex Municipio di Castagnola.

Sarà l'occasione per rievocare gli eventi musicali e sociali organizzati dalla nostra Filarmonica durante gli ultimi 12 mesi e gettare lo sguardo agli appuntamenti e ai progetti previsti nel breve e nel lungo periodo.

Il Presidente Roberto Badaracco e il Comitato della FdC aspettano numerosi soci attivi, contribuenti e interessati a questa importante riunione annuale.

Al termine dell'Assemblea seguirà un rinfresco.


Le note della FdC riecheggiano tra le mura di Palazzo Civico Domenica, 27 Marzo 2016 17:16


Sabato 26 marzo, in Piazza della Riforma a Lugano, erano numerose le bancarelle guarnite con prelibatezze locali e prodotti d'artigianato. Svariate pure le originali ed accattivanti attività per grandi e piccini organizzate in centro in occasione della kermesse di Pasqua in Città.

La Filarmonica di Castagnola ha tenuto il suo tradizionale concerto di primavera tra le mura di Palazzo Civico. Grazie all'ouverture dei corni delle alpi sull'uscio del Municipio, sono stati molti i curiosi turisti giunti a Lugano da ogni dove e gli affezionati fans che hanno preso posto nel patio per ascoltare e acclamare con calorosi applausi il Corpo musicale di Castagnola che, a detta del Maestro Mauro Ghisletta, ormai ha la parvenza di una vera e propria Orchestra di fiati!

Il Mo. Ghisletta ed i suoi musicisti hanno offerto al pubblico alcune celebri melodie degli anni '40 ripescate dal programma del Concerto di Gala tenutosi al Padiglione Conza a fine gennaio. Oltre a questi brani hanno fatto capolino tra gli spartiti anche melodie di Glenn Miller e il tango La Coruña. Quale bis e come auspicio di tante belle cose in quel di Lugano e dintorni (ma anche nel mondo intero!) ecco un'avvincente interpretazione di Que sera sera (Whatever will be, will be).

La giornata soleggiata e dal clima mite ha permesso ai musicisti e agli ascoltatori di godere fino all'ultima nota e fino agli ultimi raggi di sole giunti sulle rive del Ceresio di una giornata primaverile allegra e spensierata. Ringraziamo la Città di Lugano per averci accolto nel denso calendario di eventi organizzati in occasione della Festività pasquale e per la sempre fattiva collaborazione.

La Filarmonica di Castagnola augura a tutti Buona Pasqua e vi aspetta ai prossimi concerti!


L'uniforme della FdC dai primi del '900 ai giorni nostri Domenica, 27 Marzo 2016 16:54


L'abito in tutti i tempi ha accompagnato e seguito momenti di carattere sociale, politico e artistico del genere umano. Il vestito ha da sempre distinto la gente del popolo dai nobili, il ricco dal povero, il religioso dal soldato, ecc. Nel tempo, l'uniforme è stata una veste di varia foggia e colore in uso per distinguere un casato, una confraternita, un ordine cavalleresco, un'associazione, gruppi militari, bande musicali, e via dicendo. Serviva ad identificare persone che appartenevano alle diverse organizzazioni ed erano indossate nei momenti ufficiali ai quali l'associazione venne chiamata a presenziare. Esse erano confezionate con stoffe con colori vivaci e si ornavano sul petto con bottoni dorati e vistose spalline. La parola uniforme deriva dal latino uniformis = che ha la stessa forma. Che è costantemente uguale. Con il passare degli anni la divisa venne in uso anche per la polizia, i pompieri, la protezione civile, la Croce Rossa, i musicanti , nelle corali, nelle attività sportive e ginnastiche, nei collegi, specie inglesi, che adottarono una divisa per gli allievi. Anche per varie professioni si adottarono delle divise: cuochi, personale di servizio degli alberghi, ferrovieri, facchini, battellieri, commesse di negozi, personale ospedaliero e via dicendo. In certi paesi anche i carcerati hanno l'obbligo di portare una divisa, mentre oggi ancora, in occasione degli auguri di Capodanno, a Berna, a Palazzo Federale, si vedono le sfarzose divise fastosamente decorate con motivi dorati, indossate dai diplomatici accreditati presso la Confederazione. In dialetto si usa dire: al ga sù la montüra oppure l'üniform, mentre il detto L'è in alta üniform vale anhe come ben vestito, elegante e, sempre in dialetto, divisa si riferisce alla divisa militare, oppure si dice anche che l'è in divisa di persona che porta un soprabito elegante. È difficile asegnare un'epoca precisa in cui iniziò l'uso delle divise. I primi popoli che utilizzarono vestiti militari per i loro soldati, furono gli Assiri, i Greci e gli Egizi e lo si desume da monumenti e scultori giunti fino a noi. In modo particolare nell'epoca dell'Impero Romano i soldati portavano particolari divise che li distinguevano dall'appartenenza alle varie legioni e, con tali divise, invasero parte dell'Europa, dall'Asia e dall'Africa. Portiamoci ora più avanti nel tempo e guardiamo in casa nostra.

Agli inizi del Novecento venne fondata la Musica di Castagnola che negli anni ha marcato indiscutibili progressi ed ha conseguito tanti successi, grazie alla volontà e costanza dei soci sia dirigenti che attivi. Va detto che la prima banda di Castagnola, composta da una trentina di elementi, non ebbe lunga vita. Fondata nel 1900 dopo solo nove anni cessava la sua attività. Tuttavia fu dotata di una prima uniforme (vedi foto A) di tutto rispetto composta da pantaloni e giacca dal colletto chiuso, decorata sul davanti di doppio cordone che scendeva sul petto a mo' di collana. Completava la divisa un cappello alla bersagliera con vistoso piumaggio. Quella prima divisa fu ordinata e confezionata a Milano e ciò giustifica la dotazione del cappello in uso in un corpo militare italiano. A Castagnola, fin verso gli anni Quaranta del Novecento, si instaurarono delle bande politiche e fu solo nel 1939 che il Municipio di quel comune caldeggiò la creazione di una banda musicale apolitica. Dalla fotografia B notiamo la Filarmonica di Castagnola ritratta a Brè, verso il 1940, molto probabilmente in occasione della festa della Madonna. Quale unico segno distintivo i musicanti portavano un berretto con visiera, ai tempi in uso agli addetti ai tram, alle funicolari e ai servizi urbani cittadini. Nella fotografia C, risalente al 1955, notiamo la Filarmonica di Castagnola con la classica divisa scura e cappello che in quel tempo dava al gruppo prestigio e decoro. Con la foto D arriviamo ai nostri tempi ed essa ci mostra il gruppo musicale con una divisa composta da pantaloni, camicia bianca e cravatta la quale conferisce al Corpo musicale un aspetto esteticamente bello, attuale, fresco, giovanile e funzionale.

(Fonte: La rivista di Castagnola e del Ceresio, di Emmebi, 2016, N. 3)


Contatto

Social

Contattaci

×